Combattere lo stress derivante da mancati pagamenti

di Valentina Cervelli Commenta

Chiunque abbia un lavoro precario, e talvolta anche chi lo ha con un contratto a tempo indeterminato, potrebbe arrivare a doversi confrontare con il classico stress derivato da mancati pagamenti: una condizione spesso non semplice da gestire.

rispetto lavoro darlo riceverlo

Perché il naturale e giusto processo mentale che scatta è quello del “io presto un servizio a te, tu paghi me“. La crisi, imprevisti e qualche volta dei comportamenti malevoli dall’altra parte portano la persona che ha lavorato non solo a combattere con il naturale stress della vita ma anche con i problemi economici che derivano da una situazione di stasi di questo genere. La prima cosa è ovviamente quella di essere decisi nel pretendere quello che spetta: è basilare a livello tecnico e se si è fortunati non si è costretti a subire frustrazioni su frustrazioni.

In caso ci si trovi nelle condizioni di dover attendere i pagamenti esageratamente, lo stress derivante da questo stato di cose è purtroppo assicurato e per fare sì che non infici completamente l’animo della persona che lo subisce è importante prima di tutto trovare nell’arco della giornata un momento per se stessi nel quale prendere un bel respiro e rendersi conto che non si hanno colpe di una simile situazione.

Allo stesso tempo è bene organizzare le proprie giornate in funzione di questa mancanza: renderà l’attesa di risoluzione del problema più facile da affrontare. Meditazione ed esercizi di respirazione sono gli strumenti consigliati per riuscire a mantenere la calma, evitando di inficiare ancora di più la propria psiche per colpa di terzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>