Respirare contro le stress: le tecniche

di Valentina Cervelli Commenta

Respirare contro lo stress: quante volte ci si sente meglio quando si “tira il fiato”?  Quello che forse non molti sanno è che vi sono delle tecniche specifiche da poter utilizzare in determinate situazioni.

Ve ne è una particolarmente adeguata a sedare gli attacchi d’ansia ed è basata su una sequenza di respirazione che porta al rilassamento dell’organismo: in molti la utilizzano come strumento anti-insonnia al fine di poter contare su una nottata riposante. Essa è chiamata tecnica 1-2-1, e prevede di respirare, espirare per il doppio del tempo, e riposare. Vanno poste le mani sull’ombelico, e si inspira attraverso il naso per 3 secondi, concentrandosi sulle mani che salgono leggermente con il movimento della pancia. Quindi si espira per 6 secondi. E per altri 3 secondi si fa una pausa. Bisogna ripetere l’intero ciclo per 5 minuti.

Per combattere lo stress lavorativo è consigliato sedersi in un posto tranquillo e basare la propria respirazione sul battito del polso, inspirando mentre si contano 5 battiti ed espirando contandone altrettanto. In questo modo è possibile gestire con maggiore facilità le sensazioni negative. La respirazione può essere utile anche quando si ha un calo di energie: in questo caso è consigliato fare tre veloci e potenti inspirazioni con il naso espirando con la bocca e ripetendo il tutto per almeno 2-3 minuti.

Prima di un forte stress o avvenimento è possibile mettere in atto la Box Breathing: si inizia inspirando per 5 secondi, trattenendo il fiato per altri 5, espirando per 5 e trattenendo il respiro per ancora 5 secondi. Sequenza da ripetere per 5 minuti o fino a che ci si è calmati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>