Ricominciare una nuova vita

di Valentina Cervelli Commenta

Ricominciare una nuova vita non è affatto semplice. Sono molti i fattori che entrano in gioco. E quelli prettamente empirici spesso e volentieri non sono nemmeno il problema principale.

La persona che si trova a dover ricominciare una nuova vita si trova infatti prima di tutto a dover combattere con se stessa e con la sua impossibilità inconscia di accettare il cambiamento al quale è stato obbligato. Non di rado quando accade un evento che porta a modifiche drastiche della propria esistenza l’individuo sviluppa il rischio di cadere in depressione. Questo è dovuto al “cassetto” nel quale ripone e vive la sua esistenza: nel momento in cui quelle ideali barriere che segnano il percorso vengono a mancare è difficile per la persona riuscire a pensare “oltre” e quindi a vedere il futuro sotto un’ottica diversa.

E’ per questo che quando si deve ricominciare una nuova vita vi sarebbe bisogno per chi è colpito poter usufruire del sostegno di un terapista che sappia indicare la via provando a dare dei confini e dei punti fermi che possano guidare nella “ricostruzione”. In tal senso anche l’autostima ha il suo ruolo. E non sempre positivo. Tutto dipende dalla malleabilità di carattere e dalla capacità di adattamenti. Autostima in alcuni casi diventa sinonimo di orgoglio. E ricominciare una nuova vita non sempre si sposa perfettamente con entrambi i sentimenti.

Non è facile ed è tutt’altro che veloce come processo, ma si deve provare a rimettersi in gioco sempre e comunque. Solo in tal modo si potrà riuscire ad uscire da situazioni non ideali ricominciando tutto da capo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>