Sesso e alcol, due eccessi che si uniscono?

di Francesco Russo Commenta

Se non siete soddisfatti a letto, avrete dei problemi con l’alcol. Questo è quanto è emerso da una recente indagine condotta dai ricercatori dell’Università della California di San Francisco. Infatti, nel momento in cui il sesso non riesce a soddisfare a pieno si potrebbero affogare i dolori dell’insoddisfazione negli alcolici.

Gli studiosi hanno condotta la ricerca su gruppi di moscerini. Quindi, ci sono ancora diversi passi da fare per poter stabilire l’incidenza del risultato sugli esseri umani, ma si è sicuramente scoperto che c’è una molecola che può avere una forte incidenza sul comportamento umano relativamente alle dipendenze, tra cui sesso e alcol. Pubblicato sulla rivista Science, lo studio è stato condotto sui moscerini della frutta, i cosiddetti Drosophila melanogaster. Si è visto che nel momento in cui il moscerino viene rifiutato nel momento in cui fa delle avances sessuali alla propria femmina, decide di preferire cibi con alto tasso alcolico. Tutto questo sarebbe motivato dalla neuropeptide, una sostanza prodotta nel cervello dei moscerini. E, secondo gli studiosi, potrebbe essere proprio questa la molecola responsabile di molte dipendenze dell’essere umano, come la droga e l’abuso di sostanze alcoliche. Il dottor Galit Ophir-Shohat ha così spiegato la ricerca:

 

Il neuropeptide F è un interruttore che esprime il livello di ricompensa nel cervello e lo traduce in un comportamento di ricerca della ricompensa.

 

In pratica, la ricompensa scelta dai moscerini che in precedenza erano stati rifiutati dalle femmine durante il corteggiamento è stata il cibo ricco di alcol. Dopo il rifiuto i maschi perderebbero progressivamente l’interesse nei confronti del sesso e tenderebbero a ripiegare sull’alcol. Questa ricerca sembra essere molto interessante soprattutto perché attraverso di essa si potrà capire di più sui comportamenti complessi del cervello e su quanto questi influenzino lo sviluppo delle dipendenze. Gli stessi studiosi hanno dichiarato che il loro esperimento è stato molto particolare e che non si aspettavano di avere dei risultati così entusiasmanti.

 

 

Foto Credits | marco_ask su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>