Scena muta, come combatterla per evitare figuracce

di Valeria Del Treste Commenta

SCENA MUTA COME COMBATTERLAQuante volte vi è capitato di parlare con amici, parenti o peggio ancora colleghi di lavoro e ritrovarvi improvvisamente senza niente da dire?
Anche quando partecipiamo ad argomenti che catturano il nostro interesse può capitarci di fare scena muta, di sentirci come se avessimo terminato tutti gli argomenti, ci ritroviamo con il cervello in tilt e l’unica cosa che ne consegue è uno spiacevole senso di imbarazzo; cosa fare allora per evitare di fare scena muta?

Fortunatamente non avere niente da dire capita a tutti ma di rado, tuttavia evitare che succeda non può che migliorarci e farci sentire più sicuri nelle relazioni interpersonali e non solo in quelle a contatto diretto, ma anche nelle discussioni telefoniche o informatiche, per esempio via msn.
Il motivo principale per il quale facciamo scena muta è la tensione e dipende da vari fattori; per riprendere il controllo dobbiamo creare un rapporto sereno con il nostro interlocutore, dando il meglio di noi ma spazzando via la sensazione del non sentirsi all’altezza anche se la persona con cui parliamo è più informata di noi.
Perchè spesso proviamo tensione nel parlare con gli altri? Perchè il dialogo è un momento di confronto, in cui scambiamo non solo informazioni ed idee su determinati argomenti, ma mettiamo a nudo il nostro pensiero e le nostre emozioni. Quello che ci porta a fare scena muta è quasi sempre il voler fare una buona impressione sull’altro, tirando fuori idee e notizie esaltanti; il problema è che pensiamo a così tante cose che quando tocca a noi parlare non abbiamo niente da dire.
Il metodo più efficace per evitarlo è concentrarsi sull’argomento e non avere come obiettivo il mostrarsi ma parlare trovando spunti interessanti da condividere con gli altri; quindi liberiamo tutta la nostra curiosità e le nostre capacità di ascolto ed immergiamoci completamente nel dialogo. Il risultato sarà di partecipare attivamente ad una discussione ed associando i nostri pensieri e le nostre idee a quelle del nostro interlocutore sarà molto più difficile fare scena muta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>