Come trasformare un fallimento in un successo

di Ludovica Barnato 1

Errare humanum est. Il fallimento è uno degli aspetti della vita e per quanto umiliante e fastidioso possa essere, ne fa parte. Non siamo supereroi bensì esseri fallibili, e a dir la verità commettiamo parecchi errori: nella vita quotidiana, nelle relazioni, sul lavoro e via dicendo. La nostra fallibilità però non deve abbatterci.

Con un attitudine positiva e un pò di fiducia in se stessi, si possono considerare gli sbagli come cadute indesiderate lungo il cammino per il successo, come dire, tasselli inevitabili per raggiungere un risultato finale positivo e soddisfacente. Vediamo insieme come sviluppare il giusto atteggiamento.

Imparare a non cadere è importante ma altrettanto importante è imparare a rialzarsi. Risollevarsi è difficile quando non si è naturalmente ottimisti o quando si tende ad essere troppo severi con se stessi. La prima cosa da fare è sforzarsi di non strafare e di non pretendere troppo da se stessi, in questo modo il fallimento non ci sembrerà una catastrofe irrimediabile. Ovviamente questo non significa non impegnarsi nelle cose o essere indulgenti al punto da perdere il senso critico nei confronti di se stessi, significa semplicemente accettare serenamente il fatto di non essere Superman. Accettare di non essere invincibili e infallibili aiuta a non deprimersi quando capita di commettere un errore. La conseguenza naturale di questo modus pensandi è la consapevolezza che il fallimento è parte naturale di qualsiasi processo di crescita. 

Per rendere la sconfitta un esperienza formativa e temprante inoltre, è fondamentale evitare a tutti i costi di crogiolarsi nel vittimismo. Il vittimismo infatti, impedisce di trasformare i pensieri negativi in positivi. I pensieri positivi sono la chiave che consente di trasformare il fallimento in un successo perchè innescano in noi un circolo virtuoso. Per quanto banale possa sembrare, i pensieri positivi infatti ci aiutano a non cedere alla tentazione di arrenderci di fronte alle prime difficoltà e solamente superando questo tipo di tentazione saremo in grado di visualizzare l’errore commesso. Visualizzare l’errore a sua volta è un requisito essenziale per capire perchè abbiamo fallito. Comprendere la causa del fallimento infine, pone le basi essenziali per evitare di commettere nuovamente il medesimo errore. Sapere perchè si ha sbagliato renderà più facile non sbagliare di nuovo, consente di progredire e questo fa parte del successo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>