Arriva l’ansiometro per smartphone

di Valentina Cervelli Commenta

Una sorta di diario dell’ansia in grado di misurare questo stato di salute in grado di avvertirci in qualche modo quando lo stress super il livello di guardia. Consiste in pratica in questo l’ansiometro sviluppato per smartphone Android e iOS.

Siamo nervosi e suscettibili? Questa applicazione è in grado di registrare i livelli di nervosismo e suscettibilità in diversi momenti della giornata e della notte aiutandoci a gestire nel vero senso della parola il nostro stato di salute. Di certo un’applicazione non può curare l’ansia,ma può aiutare a comprenderla e gestirla. Mettendo a disposizione consigli di esperti e curiosità che possano aiutare a ritrovare in qualche la serenità a tutti coloro che per via degli attacchi di ansia la perdono puntualmente.

Il funzionamento dell’app in questione è semplicissimo: si mette il cellulare sul palmo della mano per circa 5 secondi e lo stesso misura le oscillazioni della stessa trasformandoli in una valutazione dell’ansia. I risultati vengono registrati nel diario che traccia un profilo personalizzato in base allo “stress percepito”. Collegato alla stessa vi è anche il sito ansiachefare.it, la pagina Facebook e i canali Twitter e Youtube collegati. E’ in questo modo che gli esperti puntano a modificare n megli lo stile di vita delle persone. Spiega Roberto Franchi, editore di “Ansiachefare”:

L’ansiometro è nato quasi per gioco, rivelandosi poi un ottimo strumento per coinvolgere gli utenti. Grazie all’utilizzo dell’’app’ e alla presenza del progetto sui social network, siamo in grado di fotografare un problema, quello dell’ansia lieve diurna e notturna, che tocca oltre 10 milioni di italiani, cui oggi, per abitudini lavorative e personali, si affianca in modo significativo il cosiddetto tecnostress o la dipendenza dalla tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>