Attente alla Sindrome di Grimilde

di Francesco Russo Commenta

Quante volte al giorno mediamente una donna si ferma dinanzi ad uno specchio? Con l’avvicinarsi dell’estate cominciano le prove costume e ogni giorno, di fronte al grande interrogativo “cosa mettersi”, si perdono ore ed ore di prove. Tutta questione di autostima, penserete voi. Questo è vero. Ma il fenomeno sembra molto diffuso, tanto che i ricercatori hanno effettuato uno studio trovando anche un appellativo per la questione. Si tratta della Sindrome di Grimilde.

Ricordate la cattivona della favola di Biancaneve che ripeteva convulsamente allo specchio magico “Specchio, specchio delle mie Brame, chi è la più bella del reame?”. Ecco, molte donne sembrano essere affette da questa estrema voglia di apparire belle e affascinanti. Essendo incontentabili, però, le componenti del sesso debole finiscono per essere insoddisfatte. Gli studi sono stati condotti da Nestlè Fitness su ben 512 italiane e confermano quanto le donne tengano al loro aspetto. Una vera e propria ossessione diventa la bellezza e le donne sono caratterizzate da un’eccessiva autocritica e da una grande importanza data all’opinione degli altri.

Ma guardiamo un po’ alle statistiche: il 59% delle donne vorrebbe una pancia più piatta, fino ad arrivare ad ossessioni per il grasso accumulato sulle cosce per il 44%. Mentre i glutei e i fianchi si aggiudicano una percentuale intorno al 35-37%. Il consiglio dato a tutte le donne è semplice. Se si desidera recuperare l’autostima persa bisogna prendersi cura di se stesse. Se si tratta di problemi di linea, è bene dedicarsi ad una dieta sana con l’aiuto di uno specialista. Se a questa si associa un’attività fisica congeniale con le nostre passioni è il massimo.

Basti pensare a ciò che ha affermato la nota psicoterapeuta Alessandra Lancellotti:

“Lo strumento principale per generare questo stato di benessere e riconquistare un rapporto sereno con il proprio corpo e con gli altri, parte da un trinomio vincente: un allenamento fisico regolare, un’alimentazione equilibrata e un approccio mentale sereno”.

Quindi, ad una dieta e all’allenamento fisico è giusto associare anche il benessere mentale. Non bisogna abbattersi. Volere è potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>