Come affrontare i cambiamenti difficili

di Valentina Cervelli Commenta

Come affrontare i cambiamenti difficili: davvero un bel dilemma. Vogliamo chiamarle situazioni critiche? Quei problemi che spuntano all’improvviso e non si sa come fare per superarli? Sono quegli avvenimenti che ci cambiano totalmente la vita e quasi mai in meglio. ma dobbiamo affrontarlo per forza.  Come possiamo riuscirci?

Lo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle, quindi vi daremo dei consigli molto semplici, forse talvolta scontati, ma funzionanti. La prima cosa da fare è mantenere la calma. E’ la cosa più difficile da fare, per questo la mettiamo al primo posto. Ma per quanto possa sembrare complicato, è la base di tutto.  Se non si riesce in questa piccola ma immensa azione da compiere… non si va da nessuna parte. Concentratevi su qualcosa di felice, aiutatevi controllando la respirazione o lanciate un urlo liberatorio. L’importante è raggiungere quel pizzico di serenità che possa consentire un ragionamento lucido sugli eventi, qualsiasi esso sia.

La seconda cosa da fare è ragionare e comprendere quale possa essere il miglior modo di agire. Se si devono affrontare i cambiamenti, un minimo di preparazione e pianificazione (soprattutto quest’ultima, N.d.R.) sono necessarie, anche solo per comprendere a quali cose dare la priorità. Non si può pensare di prendere di petto completamente tutto quanto, tutto insieme. Intendiamoci, può funzionare se si ha un forte bagaglio caratteriale, ma se non si ha tale forza, ci si può trovare a non farcela più ad un certo punto. Ed un eventuale fallimento in tal senso è da evitare come la peste. Non per il fatto di per se stesso, ma per gli effetti negativi che potrebbe avere sulla nostra autostima e sulla nostra psiche.

Per ultimo, è necessario compiere piccoli passi alla volta. Tanti piccoli traguardi ravvicinati temporalmente all’interno di questi cambiamenti aiutano ad affrontarli meglio. Fidatevi, è la via migliore. Scontata, non facile per alcuni versi, ma il modo migliore per farcela.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>