Assicurarsi una carriera

di Francesco Russo 1

La carriera e l’ambizione sono la base portante di molti individui impegnati nella propria crescita personale. E si tratti di persone che hanno già ad un lavoro e vogliono assolutamente crescere o di persone che non riescono a realizzarsi, ma la carriera rimane sicuramente un obiettivo da seguire per tanti.

Proprio a questo proposito vediamo oggi insieme uno studio che dura da ben 44 anni ed ha portato oggi alla luce dei risultati particolari che valgono la pena di essere analizzati. A coordinare la ricerca è George Vaillant, sperimentatore della Harvard Medical School che è partito nel 1965 di questo argomento, riuscendo ad analizzare un campione di ben 824 persone.


Lo studio rivelerebbe la sottile relazione tra l’espressione dell’insita rabbia e la frustazione nel fare carriera, portando a risultati pessimi, rispetto alle persone che con carattere accondiscendente e sereno riescono a portare a termine il tutto con risultati brillanti.
Questo studio è stato condotto negli anni proprio riuscendo a comprendere bene i meccanismi del lavoro e della carriera, mostrando come chi ha comunicato in modo costruttivo le proprie necessità di sviluppo è riuscito a crescere di più rispetto a chi non comunica in modo calmo e rilassato le proprie ambizioni. Il segreto sarebbe quindi nella tranquillità e soprattutto nelle idee chiare di quello che si vuole dal futuro. La comunicazione professionale, accondiscendente e garbata, quindi, come strumento principale tra le possibilità di fare carriera.
Ovviamente il caso limite è stato posto in alcuni volontari che soffrono d’ansia indipendentemente dal fatto che si tratti di lavoro o meno, che non hanno mai visto realizzare i propri obiettivi professionali soprattutto legati alla crescita.

In conclusione risulta chiaro che l’espressione delle emozioni negative diventa un pessimo supporto per chi vuole sviluppare il proprio autocontrollo che aiuta nell’assicurarsi una carriera valida e sempre in salita rispetto a chi è più istintivo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>