Perchè il make up non va demonizzato

di Valentina Cervelli Commenta

Spesso e volentieri il make up viene demonizzato sia da uomini che da donne che si fermano solo all’apparenza delle cose: le ragioni per non attaccare chi usa questi prodotti sono diverse e tutte collegate all’approccio psicologico a noi stessi.

Perché ci si trucca? La risposta nella sua semplicità è quasi devastante: perché ci si piace, perché si ama la sensazione che alcuni prodotti scatenano e perché si ama il loro profumo.  E cosa c’è di male in tutto ciò? Nulla. Non è nemmeno un problema di insicurezza, che non passa di certo con la sola apposizione di un rossetto o di un illuminante, ma di sentirsi bene con se stessi: se curare il proprio aspetto dona sensazioni piacevoli perchè limitare o criticare. Nessuno ne viene sminuito, anzi. E quasi sempre si ottengono, tra l’altro, ottimi risultati sia per il fisico sia per la psiche: fattore da non sottovalutare se si ricerca la serenità d’animo.

Concentriamoci piuttosto su coloro che criticano l’uso di make up: la prima cosa che devono comprendere è che lo stesso non viene utilizzato per piacere ad una terza persona perché chi si trucca lo fa per piacersi lei stessa o perché ha una passione per specifici prodotti in generale. Molto dice di chi contesta l’atto stesso del lamentarsi: quale è il problema se ad una persona piace utilizzare del make up? Per quale motivo si giudica in modo così netto? Non è che in realtà il problema di accettazione lo ha chi critica invece che il criticato? Prima di lasciarsi andare a giudizi gratuiti, e questo è valido a prescindere dal soggetto, sarebbe il caso di farsi un esame di coscienza sul perché ci si sente così triggerati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>