Provare ad essere se stessi, ne vale sempre la pena

di Valentina Cervelli Commenta

Provate ad essere se stessi? Ne vale sempre la pena. Peccato che questo concetto non sia poi eccessivamente chiaro a tutti coloro che per un motivo o per un altro si ostinano a costruirsi delle gabbie dorate di cattivi pensieri e situazioni non piacevoli.

mani gabbia

Sono diversi gli esempi che ci vengono in mente , e quelli relativi alla depressione ed alla repressione della propria sessualità sono i primi che fanno sentire nettamente la loro presenza. Perché sono effettivamente quelli che costringono le persone a tenere sotto “gabbia” quello che sono realmente, spesso accontentandosi di situazioni più comode al momento. Talvolta con l’appoggio delle persone care.  E per quanto possa essere comprensibile il voler trovare delle situazioni che in qualche modo siano gestibili senza troppi stress, siamo sicuri che effettivamente siano degli atteggiamenti che fanno bene alla salute? Non crediamo proprio.

Queste gabbie dorate nelle quali ci si rinchiude non riescono sempre a mettere a disposizione della persona un’effettiva “chiave” per riaprirle, portandole ad una condizione di chiusura in trappola che è più difficile da gestire man mano che il tempo passa. Se ne avete l’occasione, trovandovi nella stessa situazione, ribellatevi. Con tutta la vostra forza. Non potete rischiare di mettere in stand by la vostra vita a lungo. Avete bisogno di libertà. E’ vero, in alcuni casi potreste avere anche molto da perdere. Ma la salute non è la prima cosa che dovreste avere in mente? Pensateci bene ed imparate a prendervi cura di voi stessi. Le scelte vanno fatte con il vostro bene in mente.

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>