Stressati dal Web

di E. Negri Commenta

Deficit di attenzione, calo della concentrazione, aggressività, ansia e disturbi cognitivi: questi sono gli effetti principali, e più evidenti, dell’eccessivo stress tecnologico. Questo specifico tipo di stress è stato definito dallo psicologo americano Craig Broad “tecnostress” e secondo lo stesso studioso si tratta di un disturbo causato dall’incapacità di saper gestire efficacemente le nuove tecnologie.

Internet di per sé non è fonte di stress. Anzi, le sue potenzialità ci permettono di risolvere molti problemi in tempo reale. Ad esempio, in Svezia e in Australia ci sono psichiatri che utilizzano il Web per curare a distanza attacchi di panico. Il problema nasce, piuttosto, dal modo in cui utilizziamo questi strumenti. Passare molte ore navigando online, giocare compulsivamente a videogiochi in Rete, utilizzare diversi tipi di tecnologie contemporaneamente possono generare una forte carica ansiogena. In questo modo rischiamo di sovraccaricare il nostro sistema nervoso, diventando soggetti a eccessiva eccitabilità oppure a stordimento.

Molti problemi insorgono anche a partire dalle nostre aspettative: siamo abituati a muoverci in Rete in tempo reale, a risolvere problemi nel giro di pochi secondi. Queste aspettative altissime possono venire deluse dalle esperienze di tutti i giorni.

Purtroppo non esistono ancora dati precisi sull’impatto che la tecnologia ha avuto sul nostro organismo. Tuttavia la maggior parte delle persone ha una soglia molto bassa di pazienza quando si tratta di tecnologia. Nell’odierna economia, basata su Internet, gli utenti finali coltivano aspettative altissime e pretendono che le applicazioni Web siano sempre disponibili e rispondano istantaneamente. Una ricerca l’ha confermato: il 34% dei lavoratori concede a un’applicazione solo 10 secondi per rispondere prima di passare a qualcos’altro; quando sono trascorsi 20 secondi, il 55% ha esaurito la pazienza e, allo scadere del minuto, il 75% ha superato la propria soglia di sopportazione dello stress e passa ad altro.

Attenzione quindi a prevenire questo disturbo. Gli esperti consigliano come rimedi per il tecno stress meditazione, yoga, tecniche di immaginazione e di visualizzazione, praticare attività sportive e tutto quello che può portarci ad una pausa dai benefici effetti rigeneranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>