Superare gli attacchi di panico è possibile

di Francesco Russo 6

 

A parlare di questa patologia molto comune agli esseri umani è il Dottor Baranello, scienziato e psicologo italiano, studioso delle teorie emotocognitive che parla di tecniche alternative. Ovviamente parliamo degli attacchi di panico, che colpiscono moltissime persone ansiose e che secondo il dottore dovrebbero poter guarire da questa “pressione psicologica”, senza farmaci e senza il bisogno della psicoterapia. La riabilitazione è basata tutta sulle teorie emotocognitive applicate alla materia clinica psicologica.
Secondo il medico, l’attacco di panico non deve essere considerato come una sorta di malattia, ma semplicemente come una reazione, una funzione fisiologica dell’organismo che qualora venga trattenuta, può creare solo danni ulteriori.


Tutte queste informazioni, vengono fuori dagli esami condotti sui pazienti delle cliniche e dei centri di psicologia emotocognitiva che sembrano mostrare come queste cure di riabilitazione non invasive, riescano a portare la propria cognitività alla repressione automatica dei sintomi di panico, senza l’utilizzo delle pratiche fino ad oggi conosciute.
Questi dati, sembrano essere avvalorati anche dalla situazione attuale delle scienze psicologiche, che applicate a gruppi permettono di avere situazioni di riproducibilità negli eventi positivi e di conseguenza, sui sintomi patologici. Ovviamente tutti gli studiosi delle teorie emotocognitive, sono certi del fatto che si è passibili de censure in questo periodo non proprio florido dal punto di vista scientifico per parlare di innovazione.

Di certo tutto questo è dovuto ad una sorta di convinzioni che da secoli sono convalidate e quindi lo spazio per l’innovazione viene notevolmente ridotto.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>