Gli uomini? Dei gran bugiardi

di Francesco Russo 1

Questa è una notizia che non farà molto piacere alle fidanzate. Si tratta di uno studio condotto dal sociologo americano Eric Anderson, professore dell’Università di Wincester. Scrittore del libro “The Monogamy Gap – Men, Love, and the Reality of Cheating”, ovvero “Il Gap della monogamia: Uomini, amore e la realtà dell’imbrogliare”, Eric sostiene che gli uomini dicono molte bugie alle proprie partner e che hanno mentito almeno una volta alla propria compagna. Ben il 78% di coloro i quali hanno partecipato all’indagine del dottor Anderson (120 uomini) ha dichiarato di aver mentito alla propria compagna.

Si sa, le bugie non fanno bene alla coppia, il cui rapporto deve prima di tutto basarsi sul rispetto e sulla fiducia reciproca. Lo specialista americano è dell’idea che la monogamia non faccia parte della natura umana. L’individuo è portato a non tradire solo per delle ragioni culturali che, soprattutto in Occidente, ci hanno abituato a pensare alla monogamia come la regola unica. Invece, l’istinto umano porta l’uomo a tradire e a raccontare bugie per coprire i propri misfatti. La motivazione che spinge a tutto questo? Il semplice desiderio. Anche se si ama una donna sola, si potrebbe volere e desiderare un’altra per semplice attrazione. Infatti, Anderson dichiara:

Gli uomini non mentono perché non amano la loro partner, barano semplicemente perché vogliono fare l’amore con altre donne. E la società non dovrebbe disprezzare tutto questo.

Paradossalmente gli uomini tenderebbero ad evadere dalla propria vita di coppia, diventata ormai noiosa e monotona, facendo sesso con altre donne che non siano la propria compagna. Si tratta di un diversivo nel rapporto, ma non una mancanza di amore. Ma non bisogna demonizzare soltanto il sesso maschile. Secondo la ricerca sembrerebbe che anche le donne mentono al proprio ragazzo, anche se vogliono ingannare gli altri senza essere ingannate allo stesso modo loro stesse. Insomma, la monogamia è diventata soltanto un miraggio?

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>