Autostima, credere in se stessi per ritrovare l’equilibrio

di Paola P. Commenta

L’autostima è importante non solo per non desistere, ancor prima di aver tentato, da imprese che ci sembrano al di fuori dalla nostra portata, ma anche per essere sereni con gli altri e ritrovare la calma. Una persona che non crede in se stessa avrà bisogno di credere in qualcos’altro che gli dia forza e coraggio, sostegno. Può trattarsi dell’appoggio e dell’approvazione degli altri o peggio di dipendenze che fanno sentire forti e spavaldi. In ogni caso si tratterà di fattori esterni, indipendenti dalla nostra volontà e proprio per questo tutt’altro che forti, anzi deboli, estremamente fragili, volubili. Nessun altro può combattere le nostre battaglie e non ogni giorno, anche se c’è chi può darci una mano ogni tanto.

Non si può affidare la propria vita, il proprio successo, né le proprie responsabilità agli altri o ad altro. La differenza, da crederci capaci di gestire al meglio la nostra esistenza, le nostre scelte, di tracciare il nostro percorso, ed esserlo davvero è sottile, quasi impercettibile. Se ci crediamo forti, in grado di affrontare le difficoltà, di dimostrare il nostro valore, di riuscire a fare qualcosa nel migliore dei modi che riteniamo possibile, saremo ad un passo, molto piccolo, dall’esserlo sul serio.

Ci saranno fallimenti, sconfitte, scivoloni e ne saremo in parte o pienamente responsabili ma quello che avrà davvero importanza è che avremo in mano le redini della nostra vita perché avremo scelto di affidarci a noi stessi, con tutto quello che questo comporta, nel bene e nel male, nei successi e negli insuccessi, siamo noi che muoviamo i fili, gli artefici del nostro destino, i padroni delle nostre emozioni.

Questo ci aiuterà anche a vivere più serenamente il rapporto con gli altri che saranno spettatori e partecipi della nostra vita ma non avranno mai il ruolo di protagonista. Servirà a noi quando avremo successo perché non dovremo solo ringraziare o imputarlo agli altri e anche quando invece falliremo, per evitare di scaricare addosso agli altri la responsabilità più completa dei nostri errori, minando in questo modo le relazioni interpersonali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>