I bambini piccoli già capiscono il significato delle parole

di Luca Fiorucci Commenta

I bambini piccoli sono, probabilmente, più intelligenti di quanto pensassimo, e già a 6-9 mesi, anche se non hanno ancora sviluppato il linguaggio e la capacità di parlare, riescono a comprendere il significato di molte parole. E’ quanto emerso da uno studio dell’Università della Pennsylvania, che desta sorpresa anche fra molti psicologi, convinti finora che la comprensione delle parole non fosse possibile nei bambini di età inferiore ad un anno.

Elika Bergelson, coautrice dello studio, ha spiegato: “Penso che sia sorprendente, nel senso che i bambini, a quell’età, non dicono niente, non indicano, non camminano. Ma effettivamente, sotto la supeficie, loro stanno cercando di associare le cose nel mondo con le parole che vanno con esse“.
In un primo esperimento, vi erano 33 bambini di età compresa tra i 6 e i 9 mesi che guardavano uno schermo con l’immagine di un alimento e di una parte del corpo mentre erano seduti con i genitori, ai quali venivano assegnate delle frasi da dire ai bambini per chiedere loro, ad esempio, di trovare la mela. Un occhio elettronico registrava le reazioni dei bambini alle frasi.
In un secondo esperimento, venivano invece mostrate ai bambini immagini di cibi tipici e di una persona per intero. I ricercatori hanno quindi messo a confronto le reazioni di questi bambini con quelle di altri bambini di età compresa fra i 10 e i 20 mesi. Gli studiosi hanno quindi notato che, in entrambi gli esperimenti, i bambini di età compresa fra i 6 e i nove mesi guardavano più spesso l’immagine che veniva richiiamata che le altre, e ne hanno dedotto che comprendessero il significato di quelle parole.
I ricercatori hanno spiegato inoltre che i bambini di 8-9 mesi non sembravano reagire meglio di quelli di 6-7 mesi, e che non vi erano miglioramenti significativi fino a 14 mesi circa, anche se non sapevano spiegare perchè. Il professor Swingley, coautore dello studio, ha così commentato i risultati della ricerca: “Penso che questo studio fornisca un importante messaggio ai genitori: potete parlare ai vostri bambini e loro capiranno un pò di quello che dite. Non ci daranno risposte argute, ma capiranno qualcosa. E più conoscono, più possono costruire qualcosa su ciò che conoscono.

 

Foto Credits/GRwitters su Flickr

 

L.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>