Come smettere di essere vendicativi

di Valentina Cervelli Commenta

Come smettere di essere vendicativi? E’ una domanda che dobbiamo porci. Ognuno di noi. Soprattutto ogni volta che ci sembra di subire un’ingiustizia e l’unica cosa che ci sembra adeguato da fare è rendere pan per focaccia a chi ci ha offeso. E’ necessario chiedersi: ne vale davvero la pena?

In realtà per comprendere davvero come smettere di essere vendicativi bisogna prima di tutto rendersi conto che rancore ed astio non portano da nessuna parte. Questo non significa rimanere in silenzio e sopportare tutto: anzi, rappresenta proprio l’opposto. Piuttosto che rimanere zitti e coltivare vendetta, è bene affrontare immediatamente i problemi, utilizzando tutta la sincerità che sia possibile raccogliere in se stessi.

Per smettere di essere vendicativi deve essere fatto del lavoro su se stessi. Non bisogna cambiare molto, ma vi è la necessità di imparare ad acquisire un punto di vista oggettivo sulle cose, in modo tale da avere un quadro il più ampio possibile prima di rispondere per le rime. Questo è un discorso valido generalmente. Ma come fare se la voglia di vendetta ci colpisce in qualche modo nei confronti delle persone che amiamo? Questo è un atteggiamento più difficile da controllare perchè più che di una vendetta vera e propria si tratta del bisogno di provare il proprio “potere” sulla stessa. E vi è sempre una componente affettiva non indifferente che non consente di ragionare spesso con lucidità. Prendete un bel respiro e contate fino a 10, ripensate a tutto ciò che di buono c’è nella persona alla quale volete bene… ed imponetevi di fermarvi. Per il vostro bene.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>