Con il linguaggio non verbale si comunica di più e meglio

di Chiara 1

 

 

Interpretare, osservare e infine approfondire uno sguardo, arricchisce moltissimo e soprattutto affina la capacità di guardare alle cose, al mondo: offre nuove chiavi di lettura, altri codici.

Siamo tutti bene o male consapevoli che esistono atteggiamenti o comportamenti che ostacolano l’interazione con gli altri, anzi bisogna sottolineare come la comunicazione non verbale risulti di fatto un “codice di controllo” delle “relazioni non verbali”; pertanto è un vero peccato che in questa direzione manchino dei veri e propri studi scientifici.

Chi desidera imparare questo linguaggio, dovrà procedere naturalmente per gradi, cercando di carpirne i significati solo apparentemente celati da “ciò che non si dice”. L’obiettivo che ci si deve porre è il desiderio di allargare, rendere più profonda la conoscenza di sé.

Per avere un’idea del linguaggio non verbale, basta immaginarsi in un paese straniero e con poca o alcuna conoscenza della lingua, per farsi comprendere, si utilizzeranno di certo altre risorse ed in particolar modo i gesti e le espressioni facciali. Le differente latitudini ci permettono infatti di comunicare con un linguaggio che è universale e non scritto.

Per Watzlawick, la comunicazione si muove su due piani: quello del contenuto e quello della relazione, le parole trasmettono le informazioni e il corpo dà profondità alle informazioni.

Il linguaggio non verbale infatti dà peso e “sostanza” a quello verbale e incisive saranno il tono, la mimica, lo sguardo, l’atteggiamento, la distanza.

Naturalmente non è così automatico analizzare comportamenti e segnali, ma questo ci “allena” ad una maggiore osservazione, affinandoci nella capacità di analisi e l’empatia.

E’ importante però non considerarli dei “codificatori” assoluti, anche quelli che ci sembrano validi. Inoltre è importante che diventi un’ossessione la ricerca della sincerità a tutti i costi, spesso infatti risulta inopportuna, offensiva e inaccettabile.

 Altresì è fondamentale ricordare che il linguaggio non verbale stabilisce che nessun segnale da solo ha un preciso potere enunciativo e che è legato a filo doppio da quello verbale , quindi nel comprendere realmente un’intenzione, bisogna tener conto necessariamente di entrambi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>