Dipendenza dal sesso? E’ un problema

di Valentina Cervelli Commenta

Sex

Si tende a scherzarci un po’ sopra per tenerne lontano lo spettro della paura, ma anche la dipendenza dal sesso è un problema reale.  In questo caso non si parla di avere un sano appetito sessuale ma di avere un vero e proprio problema psicologico, un’ossessione che ti costringe a volere fare sesso di continuo od a pensarci continuamente, con l’avvicendarsi di problemi nella tua quotidianità. Che come tale va curata.

Parliamo ovviamente di una particolare tipologia di dipendenza, chiamata anche ipersessualità, a sua volta divisibile, per genere, in ninfomania e satiriasi. In entrambi i casi la persona sperimenta il desiderio continuo di fare sesso, non riesce a togliersi dalla testa il pensiero stesso mettendo a dura prova le sue relazioni interpersonali e la propria socialità. Come tutte le dipendenze, anche questa può essere curata adeguatamente se la persona colpita decide di cercare un aiuto professionale.La mera cessione all’istinto non porta altro che a problemi interpersonali ed ad un peggioramento della situazione.

E’ assolutamente necessario cercare un aiuto professionale. Visualizzate come si riducono le persone dipendenti da alcol e droga. Ecco: la dipendenza da sesso, seppure attraverso diversi percorsi, rischia di trasformarvi in pericolosi automi alla ricerca di un orgasmo mai soddisfacente. Ancora non è chiaro come questa dipendenza si sviluppi. E sebbene non sia inserita ufficialmente nel Manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali, è comunque riconosciuta come un reale problema di salute nella letteratura medica a livello globale. E questo è un ottimo punto di partenza, soprattutto perché in virtù di tale fatto vi sono degli specialisti preparati ad approcciarla praticamente dovunque. A seconda delle scuole di pensiero è considerata una malattia mentale, un disturbo ossessivo-compulsivo ed ancora un “sottoprodotto di influenze culturali”. Dissentendo da questa ultima definizione, ci sentiamo di consigliarvi di cercare aiuto nel caso sospettiate di esserne affetti o pensare che e persone accanto a voi possano soffrirne.

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>