Chi è disordinato è un problem solver perfetto

di Francesco Russo Commenta

Sembrerà per alcuni un controsenso. E invece si tratta di uno studio tedesco che ha dimostrato come, in realtà, il disordine non sia il sinonimo di sciatteria sul lavoro. Molto spesso pensiamo che una persona metodica e precisa è quella che riesce a tenere in ordine la propria scrivania. Ma non è sempre così.

Coloro che all’apparenza possono sembrare molto curati ed attenti, non significa che siano degli elementi che a livello produttivo riescono a dare il massimo. Come dire? L’abito non fa il monaco. La ricerca ha dimostrato che coloro i quali sono disordinati non vuol dire che siano disorganizzati. Anzi. Il caos è tipico di persone che hanno le idee chiare, che riescono a pensare con più facilità alla risoluzione dei problemi e che riescono ad essere più efficienti. Insomma, l’apparenza inganna, perché il disordine fa sì che si possano semplificare i concetti ai quali si sta pensando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>