Influenza suina, buoni motivi per non cadere nella Psicosi collettiva

di Valeria Del Treste Commenta

In questi giorni basta accendere la televisione, ascoltare una trasmissione radiofonica o semplicemente osservare il comportamento di alcune persone per confrontarci con il dilagarsi dell’influenza suina.

Seguire un telegiornale ultimamente è sinonimo di un interminabile elenco di deceduti, gli ospedali sono affollatissimi e il numero dei medici sembra diminuire rispetto ai pazienti ogni giorno di più. lecito chiedersi: l’influenza suina è davvero così pericolosa o il vero pericolo è la psicosi che sta causando?

L’OMS ha dichiarato che l’influenza A ha causato finora ben 5700 morti, il problema è che i media comunicano l’aumento dei decessi ogni ora e di pari passo cresce la preoccupazione degli ascoltatori; le mamme sono talmente impaurite da non mandare i figli a scuola, soprattutto nelle città meridionali, nonostante il Ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini ha reputato non necessario rinviare l’inizio dell’anno scolastico per il virus.

Quello che forse molti trascurano è che la morte di queste persone nella maggior parte dei casi non è stata provocata dall’influenza suina ma dal fatto che soffrivano di patologie molto gravi.

Il virus responsabile dell’influenza suina, detto H1n1, ha causato decessi da dieci a cinque volte inferiori rispetto alla vecchia influenza e fortunatamente disponiamo di antivirali adeguati a guarire anche casi molto gravi; gli antivirali però possono essere acquistati solo dietro prescrizione medica e sono molto costosi, invece vengono distribuiti gratuitamente alle persone affette da patologie gravi.

In ogni caso è opportuno prendere precauzioni per evitare il contagio dell’influenza suina e l’assalto all’igienizzante per mani di questi giorni non è di certo l’unico rimedio.

I medici consigliano vari metodi per diminuire le possibilità di contagio, come evitare contatti troppo ravvicinati con persone che presentano sintomi influenzali, lavarsi le mani spesso e non portarle all’altezza di naso, occhi e bocca quando non sono pulite e cercare di non stare troppo nei luoghi affollati, evitando comunque di trasformare sane precauzioni in psicosi collettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>