Mostrarsi per come si è veramente

di Valentina Cervelli Commenta

Mostrarsi per come si è veramente non è una cosa sbagliata. E lungi davvero da voi chi tenta di far passare un messaggio opposto. L’essere naturali e spontanee non deve divenire causa di prese in giro stupide.  A prescindere dalla propria posizione sociale.

donna-felice-braccia-aperte

Si è in un’era, quella di internet, dove se non si è perfetti non è giusto, secondo alcuni, mettersi in mostra. Beh, niente di più sbagliato in realtà. Non sono il trucco ed il “parrucco” perfetti a fare di noi le persone che siamo veramente. Non è un muscolo tonico od un viso senza occhiaie a raccontare la nostra storia. Siamo tutti quanti delle entità perfettamente imperfette che devono imparare ad amarsi e lasciare che la cattiveria degli altri non abbia alcun effetto. Un caso emblematico il tal senso, l’ultimo della serie, lo fornisce Emma Marrone che, sebbene non a tutti sia simpatica, ha un pregio davvero incredible: non le manda mai a dire. In questo caso centinaia di cattiverie gratuite le sono state rivolte per aver “osato” postare una foto dove appare senza trucco e con i capelli normali dopo una giornata piena di lavoro: crespo e macchie sulla pelle annesse. Nella sua risposta la cantante non ha avuto pietà ed è al suo atteggiamento che bisogna puntare.

In faccia ho le macchie di anni ed anni di bombardamenti ormonali per i problemi di salute che ho avuto. I capelli, beh a volte è difficile essere in ordine quando si “lavora” dalla mattina alla sera su e giù per l’Italia. Ogni tanto è giusto far notare pubblicamente quanto siete “piccoli” viscidi e cattivi. Vi auguro di fare un decimo di ciò che ho fatto e sto facendo nella mia vita…E vi auguro di avere le palle di mostrarvi al mondo per ciò che siete veramente.

Photo credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>