Cosa non dire ai propri figli (Parte Prima)

di Redazione 1

Spread the love

Le parole sono importanti. Lo dichiara a voce alta Nanni Moretti in un suo film, Palombella Rossa. Bisogna stare attenti alle parole che si pronunciano. È vero che i latini dicevano “verba volant, scripta manent” (le parole volano, gli scritti rimangono). Ma in alcuni casi e soprattutto quando si tratta della gestione di certe relazioni interpersonali le parole sono fin troppo importanti. Coloro che le ascoltano possono essere feriti, condizionati, umiliati dalle nostre espressioni in base a ciò che diciamo. È per questo che oggi e anche domani vogliamo parlarvi di una delle relazioni più importanti della vita di un essere umano: il rapporto genitori-figli.

I genitori devono fare grande attenzione a cosa dicono ai propri figli. Nell’educazione la comunicazione verbale ha un ruolo fondamentale, soprattutto quando si tratta di bambini molto piccoli. Determinate espressioni possono incrinare il rapporto genitori-figli. A proposito di questo, vogliamo parlarvi della scrittrice Amy McCready, fondatrice dell’associazione “Positive Parents Solutions” che da anni si occupa di gestire i rapporti familiari in modo positivo per evitare situazioni aggressive.

Prendendo spunto da uno dei suoi libri, dal titolo “If I Have to Tell You One More Time”, vogliamo illustrarvi quali sono i comportamenti ma soprattutto le parole da evitare con i propri figli.  Nel caso siate interessati all’acquisto del libro e a saperne di più potrete consultare questo link.  In ogni caso, non molto tempo fa, infatti, la stessa McCready aveva affermato:

Ho lavorato con centinaia di genitori in vita mia e posso dire che urlare è diventato il nuovo modo di sculacciare i bambini. I genitori contano fino a dieci, tentano di avere un dialogo, e quando non ci riescono alzano la voce.

Ecco, prima di tutto urlare più che parlare con i propri figli è un comportamento sbagliato che non fa altro che acutizzare le situazioni aggressive in famiglia.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>