Alla ricerca della perfezione, prima o poi arriva il crollo

di Tippi 1

Il rischio di crollare, è sempre dietro l’angolo quando si vuole dimostrare di essere sempre impeccabili e forti. La ricerca della perfezione ad ogni costo, infatti, può essere insidiosa tanto da portare all’esaurimento nervoso, o nel migliore dei casi, alla stanchezza cronica.

Dietro l’esaurimento nervoso, è indiscutibile che ci siano dei tratti di personalità innata, ma contribuiscono anche alcuni comportamenti appresi sulla spinta di bisogni interiori, come essere accettati o non compromettere legami importanti. Chi è mosso dal desiderio di perfezione, deve sempre mostrare il meglio di sé, nascondendo sapientemente difetti o aspetti che non ritiene degni. Contegno e buona educazione sono le parole d’ordine a cui obbedisce, a scapito della spontaneità e delle emozioni reali che si agitano dietro questa maschera.

La mancanza di tolleranza nei confronti delle proprie fragilità, come l’essere esposto al dolore, alle malattie o alla morte è un’altra delle caratteristiche di chi rischia l’esaurimento. Le debolezze umane, infatti, nella convinzione di chi è animato dal desiderio di perfezione, non vanno accettate, ma combattute. In questo modo, ogni forma di sofferenza viene negata o eliminata, rafforzandone l’impatto.

L’esaurimento nervoso, può manifestarsi anche attraverso il corpo con stanchezza cronica, tensioni e dolori muscolari, ma se si trascurano i sintomi, il rischio più grande è quello che si cronicizzi in una forma depressiva o sfoci in una sindrome depressiva. Questo disturbo, infatti, difficilmente si risolve spontaneamente e le possibilità sono ancora meno se si interviene subito con i farmaci, dagli integratori agli psicofarmaci. Sulle prime il malessere potrà sembrare passato, ma è pronto a spuntare alla prima occasione.

La cura più adatta contro l’esaurimento nervoso è di certo la psicoterapia, che andrebbe intrapresa anche alle prime avvisaglie, come un’insonnia particolarmente ostinata, un senso di stanchezza perenne o altri sintomi a cui non diamo troppo peso, sebbene ci si sforza di tollerare.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>