Donne esperte del Web

di Francesco Russo Commenta

Anche se le ultime notizie riguardanti il mondo del lavoro non sono confortanti, soprattutto per le donne, sono proprio queste a fare la differenza nel mondo del web. Se immaginate le donne ancora come casalinghe impegnate soltanto nelle faccende domestiche, dovrete dimenticare presto questa convinzione errata. La Rete ospiterebbe numerose quote rosa che attraverso di essa riescono a lavorare e ad essere produttive.

A dircelo è l’Osservatorio Internet 2011. Infatti, sembrerebbe che le donne rappresentino la maggior parte degli utenti on-line, preferendo sempre di più la condivisione di notizie e informazioni attraverso la tecnologia. Come informarsi sul mondo del lavoro? Come conoscere le ultime ricette e i prodotti più chic? Come sapere tutto sui prodotti per la salute dei propri figli? Quindi, spopolano e la fanno da padrone sia che si tratti di social network come Facebok attraverso cui è possibile condividere informazioni e preferenze sul proprio stile di vita, sia che si tratti di acquisti o di informazioni sui prodotti del mercato. Ma ciò che sorprende di più è proprio il numero di donne che sono attive nelle attività aziendali della Rete.

Il team di TheGoodOnes, organizzazione che si occupa di comunicazione e social media, unita a Secretary.it, la community delle assistenti di direzione, ha organizzato a Milano un incontro dal titolo “L’influenza delle donne nel social engagement”. Da questo è emerso che ben il 90% delle donne sfruttano il Web per poter condividere offerte, notizie e informazioni rispetto agli uomini che lo utilizzano solo per l’84%.

A utilizzare di più la Rete sono le donne “mature”, con un’ età compresa tra i 45 e i 54 anni. La motivazione di tutto questo ci viene spiegata dal fondatore di TheGoodOnes, Marco Marozzi:

La tecnologia permette di potenziare quel tratto culturale tipicamente femminile di gestione multitasking: la capacità di controllare più situazioni, tenere testa a più compiti, e relazionarsi con più di un interlocutore allo stesso tempo, utilizzando mail, chat, sms, telefono, e aggiornando lo status su qualsiasi social network. Perché, come mamme, usano i social network per conoscere meglio i propri figli e la loro realtà; comunicare con loro su Skype, Messenger, Facebook vuol dire essere più partecipi della loro vita, anche da un punto di vista più educativo. Ma soprattutto, perché i social media rappresentano una moderna identità. Un’identità tecnologica, decisionale, relazionale, partecipativa. Una nuova identità che le donne fanno propria per cambiare, tutte assieme, i costumi nella sfida per l’uguaglianza tra donna e l’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>