Solitudine, può anche uccidere

di Tippi Commenta

La solitudine può innescare un circolo vizioso molto pericoloso, rendendoci più vulnerabili a certe malattie, che possono portare anche ad una morte prematura. A sostenerlo è un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), i cui risultati sono stati presentati al meeting “Social Psychology and Perception”.

La ricerca, infatti, ha messo in luce un legame biologico tra la cattiva salute e la solitudine. L’essere soli può causare un indurimento delle arterie, infiammazioni di vario tipo, o influire sulle facoltà cognitive come, per esempio, problemi di apprendimento o la memoria. Al contrario, la compagnia degli altri fa bene non solo all’umore, allunga la vita e aiuta ad invertire la tendenza ad isolarsi ancora di più.

Come dimostrano diversi studi, tra coloro che sono socialmente isolati si misurano i più alti tassi di cancro, infezioni e malattie cardiache. In più soffrono di maggiore mortalità per qualsiasi causa. I pericoli dell’isolamento sono quindi reali e vanno affrontati subito, prima che sia troppo tardi.

Ciò che ha destato maggiore interesse da parte dei ricercatori è stato l’effetto di sovra-espressione e sotto-espressione dei geni. Nelle persone sole il sistema immunitario infatti si mostrava una, per così dire, anomala attivazione del sistema immunitario e una risposta all’infiammazione. Nel caso invece di una sotto-espressione si notava un’anomalia nell’espressione dei geni coinvolti nelle risposte antivirali e nella produzione di anticorpi. Tutto questo rende la persona sola più vulnerabile agli attacchi degli agenti infettivi e altri fattori patogeni.

Secondo gli scienziati se si attiva questa risposta da parte del sistema immunitario è perché si ritiene il mondo una minaccia. Le persone sole sono inconsciamente convinte che dal mondo bisogna difendersi, di qui la risposta anomala.

Come concludono i ricercatori:

Proprio come per la minaccia del dolore fisico, la solitudine protegge il corpo sociale. Esso consente di sapere quando le connessioni sociali iniziano a sfilacciarsi, e fa sì che il cervello vada in allerta nei confronti delle minacce sociali. Essere soli può generare da iper-reattività a comportamenti negativi nelle altre persone, così le persone sole vedono quei maltrattamenti come più gravi. Questo rende possibile il cadere ancora di più nella solitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>