Superare un tradimento

di E. Negri Commenta

La scoperta di un tradimento è uno dei momenti più difficili della vita di una coppia: in questi momenti di crisi ci si trova a fronteggiare emozioni difficili, come la rabbia, la sfiducia, la depressione. Come possiamo superare lo shock del tradimento?

Dopo aver scoperto il tradimento del partner, abbiamo sostanzialmente due opzioni: chiudere la relazione o tentare di dare un’altra possibilità alla persona che amiamo. Per molti infatti il dolore causato dall’infedeltà è troppo grande per essere superato: le basi del rapporto sono considerate come irrimediabilmente compromesse. Tante persone, invece, decidono di perdonare il partner e cercare di superare insieme questo problema.

Non esiste una risposta immediata e valida universalmente: molto può cambiare in base alla situazione, alle dinamiche della singola coppia, alle persone implicate, ai propri principi morali. Dobbiamo quindi riflettere a lungo sulla strada che vogliamo intraprendere, per poi poter seguire la nostra direzione senza guardarci mai indietro in caso di rottura o con l’intenzione seria di ricreare una stabilità di coppia, nel caso si decida di concedere un’altra chance.

Qualunque sia la via che uno sceglie, superare un tradimento è estremamente doloroso. Se si decide di continuare il legame con chi ci ha tradito, meglio essere fin da subito onesti e realistici: non facciamoci eccessivi scrupoli d’orgoglio e cerchiamo di far capire al partner le nostre emozioni e i nostri pensieri sulla situazione. Generalmente superare l’infedeltà richiede molto tempo: in alcuni casi le ferite si possono chiudere dopo anni.

La persona tradita dovrebbe, per quanto possibile, provare a dominare la collera, almeno passata la fase iniziale. Se infatti non riusciamo a conquistare a piccoli passi un po’ di serenità, allora probabilmente la volontà di salvare il rapporto rischia di naufragare. Siate aperti alla verità, per quanto dolorosa, e cercate supporto anche al di fuori della coppia, ad esempio con persone amiche, familiari o eventualmente anche ad uno psicologo o un consulente di coppia.

Cosa dovrebbe fare invece l’infedele che vuole salvare la sua coppia? Prima di tutto, terminare il legame “colpevole”. Poi è necessario che riconquisti la fiducia del partner rispondendo con sincerità a tutte le due domande: meno sarà limpido, più susciterà sospetti. E accettate che il partner possa dubitare di quello che gli dite. Un piccolo consiglio: non cercate di colpevolizzare il vostro partner per le vostre scappatelle. E’ un atteggiamento profondamente immaturo e che può ferire in modo devastante chi vi ha dato una seconda possibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>