Ansia, si supera solo accettandola

di Tippi 2

Chi soffre d’ansia, si chiede spesso come poter superare questa particolare condizione che racchiude in sé paura e incertezza per qualcosa o qualcuno che viene percepito come pericoloso. Molti credono che sia sufficiente negare quest’emozione, tuttavia è solo accettandola che si evita di rafforzarla.

Fingere o negare l’ansia, infatti, per quanto siano le strategie più comuni, non aiuta a depotenziare questa emozione parente stretta della paura, piuttosto l’alimenta. Inoltre, non bisogna perdere di vista che l’ansia rappresenta una parte necessaria della risposta allo stress, un elemento di crescita e maturazione che permette di adattarci all’ambiente.

Il non volersi preoccupare, perché tanto non serve a nulla, quasi sempre nasconde una forma d’ansia così intensa da dover essere negata e sostituita da una maschera di autocontrollo. Questa reazione di fuga dalla realtà, non aiuta a percepire in modo realistico la situazione che si sta vivendo, come se non si fosse davvero presenti e nel presente, impedendo di risolvere i problemi stessi.

Gli stati d’ansia, infatti, non sono una scelta consapevole e a lungo andare possono lasciare un tale senso di vuoto che il passo verso la depressione è breve. Come spesso accade, la soluzione migliore è quella più semplice. Quando arriva l’ansia o la paura, non serve negarla, piuttosto è utile avere uno sguardo aperto e soprattutto non giudicante.

Quando capita di sentirsi in ansia a causa di una situazione particolare, allora, fermiamoci, senza cercare di pensare ad altro e accogliamo quell’emozione, che non viene per farci del male, ma è una parte importante della nostra vita. Per superare le ansie e le paure, infatti, bisogna prima di tutto guardarle in faccia, perché negando l’evidenza non ci si evolve. Il passo successivo è quello di dare alle difficoltà il loro nome. Una volta ammesso di avere un problema, che è già una piccola vittoria, bisogna imparare ad attendere e a non dare risposte reattive che portano sempre lontano dalle risposte giuste per noi.

Commenti (2)

  1. Forse era meglio specificare che ci sono diversi tipi di ansia, da quella “innocua” a quella patologica. Quest’ultima non si supera semplicemente accettandola, bensì rivolgendosi a degli specialisti.
    Cordiali saluti.

    1. Certo, sono completamente d’accordo con te. Nell’articolo, infatti, non si parlava di quella patologica, ma di quegli stati d’ansia di cui più o meno tutti ci troviamo a vivere e che fatichiamo a superare in modo corretto, mettendo in atto meccanismi di fuga. Quando l’ansia diventa patologica bisogna rivolgersi agli specialisti, perché da soli non se ne esce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>