Bellezza, l’attrazione per gli altri non dipende dall’espressione del viso

di Gianluca Molinaro Commenta

Quali sono i criteri che utilizziamo per giudicare la bellezza di una persona, nel valutare come attraente qualcuno ci basiamo sulla sua mimica facciale? A questi interogativi hanno fornito una risposta ricercatori dell’Università britannica di Portsmouth, in uno studio pubblicato sul Journal of  Nonverbal Behavior, dal quale si evince come la maggior parte delle persone che hanno partecipato alla ricerca valutavano come attraenti le persone indipendentemente dall’espressione del loro viso.Nella situazione sperimentale i soggetti, 128 volontari di sesso maschile e femminile, dovevano osservare, in modalità random, le immagini di 16 donne e 14 uomini con diverse espressioni facciali e valutare la loro attrattiva. Le emozioni veicolate dalle espressioni del volto erano quelle universali: rabbia, tristezza, felicità, paura, disgusto e sorpresa, nonché un’espressione neutra.

Dall’analisi delle risposte fornite dai partecipanti i ricercatori hanno scoperto che le persone venivano considerate attraenti indipendentemente dal’espressione facciale che mostravano. Le persone valutate come meno attraenti continuavano ad essere considerate tali anche quando nell’immagine mostrata sorridevano. Questi risultati si sono mantenuti stabili tra i sessi, sia gli uomini che le donne interrogate hanno riportato risultati sostanzialmente sovrapponibili. Secondo i ricercatori questi risultati suggeriscono come, nonostante la grande gamma di espressioni che possiamo esibire sul nostro viso, c’è un nucleo che rimane stabile e viene utilizzato dalle persone per giudicare l’attrattiva degli altri. Tuttavia dall’indagine emerge come l’espressione del viso sia un elemento che guida le persone nel decidere se qualcuno potrebbe essere un potenziale compagno. Per fare un esempio, una persona attraente ma accigliata non verrebbe presa in considerazione, al contrario di una sorridente.

Ma come facciamo a stabilire l’attrattiva delle persone indipendentemente dall’espressione del volto che esprimono? I ricercatori credono che ciò sia possibile in quanto i tessuti duri del volto sono immutabili e grazie a ciò siamo in grado di percepire la struttura del viso qualsiasi sia l’espressione facciale espressa. Se ciò fosse vero ciò significherebbe che noi valutiamo l’attrazione di una persona sulla base delle indicazioni strutturali fornite dal viso.

Foto Credits | â™¥serendipity on Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>