Come studiare al meglio? I 5 consigli della scienza

di E. Negri 1

Negli ultimi anni, la psicologia cognitiva ha indicato alcune tecniche in grado di migliorare l’apprendimento e la capacità di memorizzare nozioni e informazioni. Ecco i trucchi per imparare di più e più in fretta nello studio e nel lavoro, con risultati garantiti a tutte le età.

1) Studia sempre in stanze diverse: non importa il tipo di ambiente che scegliamo, ma il cambiamento. Secondo una ricerca californiana, alcuni studenti sono riusciti a memorizzare meglio una lista di informazioni quando hanno studiato all’interno di due differenti tipi di stanze (una senza finestre e piena di libri, l’altra con vista su un cortile), rispetto a chi non si è mai spostato. Quando infatti cambiamo luogo, le informazioni raccolte si arricchiscono e si rallenta il processo che ci porta a dimenticare le informazioni apprese.

2) Utilizza le tecniche di memorizzazione e concentrazione: ad esempio, particolarmente utile si è rivelata la meditazione di tipo mindfulness. Si tratta di sistemi che richiedono un forte allenamento, ma ci permettono di arrivare a grandi risultati!

3) Scopri le tue ore migliori: non tutti hanno gli stessi bioritmi. Alcuni sono più energici al mattino, altri invece riescono a concentrarsi maggiormente la sera o nelle ore notturne. Cerchiamo di valutare con attenzione il nostro rendimento in base agli orari e sfruttiamo i momenti particolarmente fertili. Non ha senso, infatti, imporsi un momento preciso della giornata o della settimana per studiare: stabiliamo in autonomia i nostri tempi e i nostri modi

4) Fai delle pause: dopo circa 40 minuti, la nostra attenzione è destinata a calare. Continuare a restare sui libri significa solo assimilare male e con difficoltà le informazioni richieste. Molto meglio fare un break di 10 minuti per poi ritornare a studiare più carichi di prima. Attenzione però a evitare durante la pausa quelle attività che potrebbero durare più di 10 minuti e quindi distrarci per troppo tempo dal nostro obiettivo.

5) Prova con i test: non aspettare l’esame o il compito in classe per metterti alla prova. Cerca di tenere sotto controllo la tua preparazione con dei mini quiz o facendoti interrogare da qualcuno. In questo modo non solo saremo più coscienti dei limiti della nostra preparazione, ma impareremo anche ad affrontare lo stress da verifica

Foto da Flickr

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>