Depressione post partum, ne soffre anche il papà

di Tippi Commenta

La depressione post partum è un disturbo che colpisce le neomamme, e che è collegato al periodo immediatamente successivo alla nascita del bambino. Tuttavia, esiste una forma di depressione del tutto analoga anche nei neopapà. A suggerirlo, è uno studio condotto dal team di ricercatori della NYU School e pubblicato sulla rivista scientifica “Journal Maternal and Child Health”.

La depressione post partum è una particolare forma depressiva che può manifestarsi prima e subito dopo il parto, ma anche fino ad 1 anno dopo. Più o meno tutti sappiamo che colpisce le donne, ma poco, o quasi nulla, si sapeva di quella maschile.

In una precedente ricerca, portata avanti dallo stesso Michael Weitzman, docente di Pediatria e di Medicina ambientale che ha coordinato anche quest’ultimo studio, era emerso come i problemi di salute mentale nei bambini in cui i padri avevano mostrato sintomi depressivi fossero in aumento.

Dallo studio, infatti, è emerso che il 6% dei bambini con una madre o un padre con sintomi depressivi, presentavano problemi di natura comportamentale. Come ha sottolineato Weitzman, il risultato non è così sorprendente, piuttosto a destare sorpresa è stato il fatto che nessuna ricerca su larga scala avesse indagato a fondo tale questione, nonostante la sua importanza.

Secondo Weitzman:

I risultati riportati nella ricerca illustrano i fattori che aiutano a identificare quei padri che potrebbero trarre beneficio dallo screening per la depressione clinica; pensiamo che i dati siano ora particolarmente rilevanti, data l’attuale crisi finanziaria e il contemporaneo aumento della disoccupazione negli Stati Uniti.

Lo studio, infatti, ha messo in rilievo che che a maggior rischio di depressione sono i padri che vivono in povertà (1,5 volte più comune rispetto al resto della popolazione), coloro che vivono con un bambino che presenta bisogni di assistenza sanitaria (1,4 volte più comune); quelli che convivono con una madre con sintomi depressivi (5,75 volte più comune); ma soprattutto coloro che sono maggiormente esposti a disoccupazione (6,50 volte più comune).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>