La dipendenza da gioco d’azzardo (seconda parte)

di Francesco Russo Commenta

dipendenza gioco patologia lotto

Il Gioco d’azzardo Patologico viene chiamato anche GAP e secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità coinvolge circa un milione e mezzo di italiani. Sicuramente si tratta di un problema che, soprattutto in un periodo difficile dal punto di vista economico come quello che stiamo vivendo, va affrontato. Molti non sanno che la ludopatia assale in modo particolare persone insicure, insoddisfatte e con poca autostima.

Questo può essere uno dei motivi che spinge al gioco: si pensa di poter sfidare la sorte e vincere riuscendo a sentirsi bravi in qualcosa. In altri casi, invece, si è spinti al gioco perché è lo stesso ambiente familiare nel quale si è vissuto che ha dato grande importanza al valore del danaro e alla volontà di perseguirlo per il successo. Ma in ogni caso la dipendenza da gioco d’azzardo colpisce maggiormente soggetti che si sentono inferiori e inadeguati nei confronti degli altri. Il gioco, quindi, oltre che divertimento diventa mezzo di riscatto personale. Ma il problema si presenta quando questa eccitazione e questo rischio che si prova nel voler vincere diventano una vera e propria ossessione.

Come si riconosce un giocatore d’azzardo? È semplice. Il gioco tende ad assorbire completamente la sua vita. In ogni momento si cerca di tentare la fortuna. Sicuramente il proliferare di siti on-line che permettono di giocare rende vita facile ai dipendenti. Ma nel momento in cui i giocatori non hanno più soldi inizia un vero e proprio calvario. C’è la possibilità che finiscano per compiere degli atti illegali pur di avere liquidità, mettono a repentaglio la propria famiglia e la propria vita. Inoltre, l’astinenza dal gioco provoca diversi sintomi fisici come forte nervosismo ed ansia. È come un drogato senza la sua dose, metaforicamente parlando. È per questo che bisogna farsi aiutare da persone esperte e da specialisti del settore che possano dare supporto a chi è affetto da questa dipendenza. Un aiuto, infatti, arriva da Giocaresponsabile, un servizio promosso in collaborazione tra Lottomatica e la Federazione Italiana degli operatori dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze. Attraverso strutture dislocate sul territorio e sul servizio telefonico del numero verde 800.92.11.21  si può imparare a giocare sì, ma in modo responsabile.

Foto Credits | Asiatic League su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>