L’importanza del tentare di migliorarsi

di Valentina Cervelli Commenta

L’importanza del tentare di migliorarsi: oggi vogliamo parlare di questo. Tralasciando infatti possibili sensazioni di inadeguatezza, che nascono da insicurezza varie, fare qualcosa per noi e per raggiungere uno stato di calma al fine di avere una migliore percezione… non è sbagliato.

Attenzione, qui non parliamo di seguire assurdi canoni estetici o puntare alla santità estrema. Qui si parla di riuscire a comprendere cosa possiamo fare per noi stessi nel momento in cui desideriamo essere in pace con il nostro essere interiore. Per quanto possa sembrare strano in questo caso il concetto chiave non è nel miglioramento, ma nel tentativo. Rendersi conto di poter fare qualcosa di meglio, di poter gestire i propri sentimenti in modo migliore o addirittura di poter essere migliori con gli altri è già un grande passo. Significa mettersi in gioco, avere il  coraggio di vedersi sul serio e non solo il semplice guardarsi da un punto di vista estremamente superficiale.

Abbiamo un esempio che riteniamo valido in questo caso. Immaginare di litigare o di non parlare più con un’amica. Siete sicuri che sia solamente colpa sua? Avete fatto di tutto per tentare di ricucire? Se così non è e sentite voglia di fare qualcosa, o farle sapere che vi dispiace, seguite il vostro istinto… avete appena tentato di migliorare voi stessi senza nemmeno accorgervene. Avete tentato di analizzare ed analizzarvi e vi siete resi conto che potevate fare di più.  Non sottovalutate l’importanza di questo approccio perché i grandi traguardi si raggiungono attraverso le piccole cose… e voi avete appena agito in tal senso.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>