Schizofrenia e depressione sono legate a deficit neuroni GABA

di Gianluca Molinaro Commenta

Schizofrenia e depressione potrebbero essere legate ad un deficit dell’acido gamma-aminobutirrico, la cui attività dei neuroni è importante per un adeguato funzionamento a livello cognitivo ed emotivo. I ricercatori hanno posto la loro attenzione in particolare su un sottotipo dei neuroni GABA, i neuroni parvalbumina, che si sono rivelati fragili se esposti allo stress ossidativo, che si può verificare durante la fase di sviluppo, in particolare su soggetti che soffrono di patologie psichiatriche come la schizofrenia o il disturbo bipolare.Ora, secondo quanto riportato sull’ultimo numero di Biological Psychiatry, i neuroscienziati hanno osservato come i neuroni parvalbumina possono essere protetti dalle conseguenze dello stress ossidativo attraverso un farmaco,  l’N-Acetilcisteina, noto anche come Mucomyst,  che solitamente si prescrive per per proteggere il fegato dagli effetti tossici dovuti ad un’overdose di paracetamolo.

Il dottor Kim Do insieme ai suoi collaboratori del Centro di Neuroscienze Psichiatriche dell’Università di Losanna, in Svizzera, sostiene che durante l’infanzia e l’adolescenza, quando il cervello si sviluppa, lo stress ossidativo può causare diversi problemi, come infezioni, infiammazioni, traumi o stress di natura psico-sociale. Tali effetti negativi, secondo gli studiosi che hanno condotto la ricerca, non si verificherebbero una volta che il soggetto ha raggiunto l’età adulta. Lo studio ha dimostrato come, in una popolazione di topi, di fronte all’esposizione allo stress ossidativo, la funzionalità dei neuroni parvalbumina era compromessa e tale deficit persisteva durante la loro vita. La scoperta più positiva riguarda il ruolo del farmaco antiossidante N-acetilcisteina: gli studiosi hanno osservato, infatti, come l’esposizione al Mucomyst, da prima della nascita in poi, proteggeva i topi dalle conseguenze negative dello stress sui neuroni parvalbumina.

Il dottor John Krystal, direttore di Biological Psychiatry, ha dichiarato:

“Questo studio solleva la possibilità che I deficit neuronali GABA nel disturbo psichiatrico possono essere prevenuti con un farmaco, l’N-acetilcisteina, che è abbastanza sicuro da somministrare per gli esseri umani.”

Foto Credits | Patrick Hoesly on Flickr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>