Schizofrenia, a rischio chi fuma

di Tippi 1

schizofrenia rischio fumatori

Chi ha il vizio del fumo è a rischio di schizofrenia, una patologia mentale molto grave, che rende le persone incapaci di distinguere la realtà dalla fantasia. A suggerirlo, è uno nuovo studio condotto dal farmacologo professor Boris Quednow dell’Ospedale Psichiatrico di Zurigo e il professor Georg Winterer dell’Università di Colonia.

Fino ad oggi, infatti, tra i vari fattori ritenuti responsabili della schizofrenia, si riteneva come il principale fosse l’ereditarietà, tuttavia, sembra che l’insorgenza della malattia possa essere collegata anche ad un’alterazione del gene TCF4.

Questo gene, infatti, sarebbe suscettibile di alterazione da parte del fumo di sigaretta. I ricercatori, sulla base di questa considerazione, hanno utilizzato un nuovo approccio per valutare come il background genetico avesse un diverso impatto sul rischio in persone sane e in quelle malate, coinvolgendo 1.800 volontari.

Con l’ausilio dell’elettroencefalogramma hanno osservato la reazione a determinati stimoli acustici semplici e simili formati da una sequenza di scatti. L’intento era quello di valutare se e come le persone reagissero a questi stimoli e come questo avesse a che fare con il gene TCF4.

Dai risultati del test è emerso come le persone sane fossero in grado di filtrare le informazioni aggiuntive (i suoni) come stimoli non rilevanti, mentre i malati di schizofrenia non risucivano a farlo, con conseguente sovraccaricamento del cervello.

La schizofrenia è stata messa in relazione con il vizio del fumo partendo dalla constatazione che molti dei pazienti affetti da questa patologia fumano. Il focus dello studio tuttavia era comprendere se il fumo potesse avere un impatto sul gene TCF4 anche sulle persone sane, esponendoli così di fatto al rischio di sviluppare la malattia.

I dati raccolti alla fine dell’esperimento, infatti, hanno dimostrato come nelle persone portatrici sane del TCF4, ma con il vizio del fumo, la capacità di filtrare gli stimoli era meno efficiente. E più le persone fumavano, più il rischio era elevato.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>