Scrivere su un diario, ecco perché fa bene

di Valentina Cervelli 0

Spread the love

Scrivere su un diario fa bene. Non deve essere visto come un compito stressante ma come uno strumento per poter stare bene, tra l’altro davvero a un prezzo conveniente. Una penna e dei fogli sono infatti accessibili a tutti.

Scrivere su un diario per farsi del bene

Perché scrivere su un diario? Essenzialmente per essere più consapevoli di se stessi e lasciare andare le emozioni negative. Si tratta di un approccio che l’essere umano utilizza in pratica da quando ha imparato a scrivere e a comunicare. E non deve stupire dato che questo agire rende possibile “analizzare” quello che si è passato e vederlo in qualche modo con occhi esterni.

La scrittura di un diario è il miglior modo che si ha per parlare con se stessi. E a livello di salute mentale, possedere la consapevolezza di quello che si è e di ciò che si vuole, è una base che non deve mancare. È il fondamento per il benessere psicofisico. Ma anche un modo per prendere le redini della propria vita in mano.

Scrivere su un diario sembra un atto tanto semplice e in fondo lo è: sono le conseguenze dell’atto che si rivelano spesso straordinarie. Questo perché permettono alla persona di sfogarsi nel miglior modo possibile, riflettendo sull’accaduto e consentendo d’imparare dall’esperienza. Non serve scrivere dei testi epici: talvolta basta annotare qualcosa per sentirsi meglio. E capire come metabolizzare le cose.

Tecnicamente si parla di scrittura espressiva o consapevole. Un approccio che apporta benefici infiniti per la salute mentale ed emotiva. Meno stress, maggiore calma e una scrematura delle emozioni.

Come funziona la scrittura consapevole

Scrivere su un diario consente alla persona di essere se stessa, di evitare in qualche modo il giudicarsi imperdonabile. Quello che di solito applichiamo quando non abbiamo la possibilità di rivedere in modo oggettivo quello che ci accade. E lo ripetiamo: non c’è bisogno di scrivere enciclopedie, basta qualche frase. E non importano nemmeno l’ortografia e la grammatica.

Quel che è rilevante per la nostra salute mentale è l’atto di scrivere. Perché lo facciamo per noi stessi. La scrittura consapevole non ha bisogno di molto per funzionare. Come scrivere su un diario quindi?

La prima cosa da fare è immergersi in una situazione priva di distrazioni in un ambiente tranquillo. E trovare del tempo per farlo. E’ un momento che dedichiamo a noi stessi, una coccola: se vogliamo possiamo mettere anche in sottofondo una musica che ci piace. Dobbiamo lasciarci andare, evitando di metterci dei paletti.  E possiamo iniziare a scrivere, facendoci anche delle domande per darci lo stimolo giusto. Consiglio: possiamo anche scrivere molto se ne abbiamo bisogno, ma pianifichiamo eventualmente delle pause ogni 15 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>