Training autogeno, alleviare l’ansia con l’esercizio della calma

di Valeria Del Treste 3

Il training autogeno è una tecnica utilizzata dalla psicologia clinica per combattere principalmente i disturbi causati dallo stress e nasce negli anni ’30 dallo psichiatra tedesco Johannes Heinrich Schultz.

Considerato come la tecnica di rilassamento per eccellenza, si differenzia dagli altri strumenti psicologici per la sua autonomia; l’obiettivo di Schultz era infatti quello di sviluppare una procedura che permettesse al’individuo di lavorare su se stesso in modo indipendente.

Il rapporto che si viene a creare con lo psicologo può trasformarsi in una relazione di dipendenza del paziente nei confronti dello specialista, ciò rappresenta un ovvio rischio per l’efficacia delle sedute e per l’individuo stesso.

Grazie al training autogeno possiamo raggiungere uno stato di rilassamento pari a quello ottenuto dall’ipnosi, ma senza il bisogno di uno specialista; come dice il nome si tratta di un processo che “si genera da sè”, inizialmente controllati da un esperto e in seguito da soli.

Questa tecnica è utilizzata anche per la gestione delle emozioni e per il trattamento dei disturbi psicosomatici, lo scopo è imparare a controllare la sfera mentale e quella fisica e trova applicazione in diversi ambiti, dai disturbi respiratori, alle disfunzioni sessuali o relazionali.

Abiti comodi, luogo tranquillo e non avere troppi pensieri in testa sono le regole principali per poter svolgere gli esercizi del training autogeno; si tratta di sei esercizi specifici per gli apparati: muscolare, vascolare, cardiaco, respiratorio, addominale e cefalico; i due esercizi più importanti, detti appunto “basilari” sono l’esercizio della pesantezza, che si occupa di alleviare la tensione nella zona muscolare e quello del calore, il quale aumenta il flusso sanguigno, invece negli esercizi “complementari” rientrano: il respiro, il plesso solare, il cuore e la fronte fresca.

I sei principali esercizi del training autogeno devono però essere svolti dopo l’esercizio della calma, fondamentale per il graduale raggiungimento del benessere; ciò permette di raggiungere il metabolismo basale, cioè di trovarci nella stessa condizione di rilassamento innescata dal sonno, favorendo così la rigenerazione dell’organismo sia fisicamente che mentalmente.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>