Come non perdere la testa nei momenti di difficoltà

di Valentina Cervelli Commenta

Riuscire a capire come non perdere la testa nei momenti di difficoltà ed imparare a trarre il meglio anche dalle esperienze negative è una delle cose più difficili da fare per l’essere umano: ciò non toglie che provare sia d’uopo. Soprattutto quando se ne ha davvero bisogno.

Una delle più grandi forze del genere umano sono la sua voglia di combattere e la sua resilienza: le capacità di adattamento di una persona sono incredibili se ben stimolate ed aiutate a sbocciare. Il vero problema? Non sempre è un obiettivo facile da raggiungere. Come fare quindi? La prima cosa nella quale impegnarsi è quella di comprendere che se non ci si calma, almeno nel 99% delle situazioni si rischia di far male a se stessi e di non risolvere nulla. Ed in una situazione che già di suo presenta dei problemi, caricare ulteriormente di stress la propria vita non è consigliato.

Ecco quindi che vi è il bisogno di estraniarsi dal problema, anche per un piccolo lasso di tempo, per riuscire a valutare le proprie possibilità con occhio lucido: niente vieta poi di farsi un bel pianto liberatorio una volta che si sia trovata una soluzione. Ma per prima cosa è davvero necessario capire quale sia il margine di reazione/ funzionamento applicabile alla situazione che si sta vivendo e partire da lì per organizzare la propria reazione.

Non è impossibile eliminare lo stress: la forza di volontà diventa lo strumento basilare della propria sopravvivenza: non è un termine scelto a caso, soprattutto perché collegato alla “non perdita” della capacità di funzionare in modo adeguato, se non al top, anche nelle più gravi delle situazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>