Affrontate la paura d’amare

di Chiara 4

Purtroppo non è molto facile per un uomo o una donna dopo un lungo periodo di  solitudine, decidere di lasciarsi andare ad una relazione. Le cause possono essere tante e sono di certo tutte soggettive ma ciò che “congela” queste persone emotivamente, è un “meccanismo di difesa” che consente loro (in realtà di far credere loro) di non soffrire più se si evita il sentimento d’amore.

Non è così infrequente che una storia d’amore, soprattutto quando è stata importante e che è causa di una ferita narcisistica profonda, renda distanti e generi un vero e proprio rifiuto da parte di chi si è sentito intimamente, fortemente deluso.

In realtà tali insicurezze andrebbero esaminate accuratamente e con spirito critico. Non si fugge alla paura ma la si affronta apertamente senza sentirsi frustrati se da soli non si è in grado di comprendere le ragioni di un così intenso livello d’ansia. La “paura d’amare”  quando è così invasiva, andrebbe analizzata con l’aiuto di un esperto .

Potreste provare a seguire i seguenti consigli:

– Evitare la possibilità di una relazione non fuga la paura, bensì l’alimenta.

– Nel momento in cui ne vivete una non temete di sperimentarvi in questa senza previsioni catastrofiche , semplicemnete vivendola per ciò che vi offre tutti i giorni. 

– E’ da evitare assolutamente l’insana (soprattutto per voi) abitudine nel fare confronti e raffronti con relazioni precedenti. Le persone sono tutte differenti, come le storie sentimentali, credere che si possa reiterare la sofferenza già sperimentata di fatto vi destabilizza e vi rende più esposti al dolore.

– E’ importante che non esitiate a parlare liberamente con il vostro nuovo partner delle paure che vi paralizzano, la condivisione è fondamentale e non solo per rassicurare voi ma anche per cimentare la fiducia reciproca.

 – Attenzione: quando i timori sono tali da diventare invalidanti, e causano un disagio che scaturisce in una vera e propria psicopatologia, è molto importante non rifiutarsi di farsi aiutare da un supporto, bensì è fondamentale affrontare le motivazioni di tale sofferenza con una psicoterapia mirata.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>