Come curare lo stress da lavoro?

di Francesco Russo 2

La situazione economica precaria del nostro Paese ha sicuramente contribuito alla crescita dello stress da lavoro. Il fenomeno coinvolge gran parte degli italiani che, pur avendo una retribuzione fissa e un lavoro stabile, si trovano ad affrontare maggiori impegni con un carico di responsabilità più gravoso. Questo non contribuisce al miglioramento della salute.

Anzi, porta soltanto ad un aumento delle ansie e delle preoccupazioni. La soluzione è stata cercata dalla Fiaso, la Federazione di Aziende Sanitarie e Ospedaliere italiane, che si è impegnata per coinvolgere 15 Asl sparse sul nostro territorio per capire come sia possibile ovviare a tutto questo accumulo di stress. Il problema va risolto, perché risulta che i lavoratori molto stressati hanno anche un alto indice di assenteismo. Infatti, circa il 60% di assenze dal lavoro è causata da malattia e questo comporta per le aziende una forte perdita di produttività.

È per questo che le aziende del settore sanitario hanno fatto diverse proposte per cercare di rendere il lavoro meno stressante. Infatti, a Trento è stato utilizzato il telelavoro, piuttosto che il part-time, per poter far gestire direttamente ai dipendenti i turni in base alla propria vita familiare e agli impegni che comporta. A Firenze, ad esempio, è stato stabilito un tutor per poter affiancare gli amministrativi assunti da poco per poterli aiutare per i primi sei mesi della loro attività, quando sono maggiormente sottoposti a stress. Il Presidente della Fiaso, Giovanni Monchiero, ha affermato che:

La nostra ricerca  dimostra ancora una volta l’importanza dello star bene nel proprio posto di lavoro. Migliorando le condizioni di lavoro di medici, infermieri, tecnici e amministrativi la mia Asl ad esempio si è piazzata al secondo posto nella classifica con minor tasso di assenteismo. I dati del Laboratorio mostrano in modo inequivocabile l’importanza di crescere e svilupparsi pensando a un modello di azienda che valorizza il ruolo della persona e presta attenzione a tutte le sue necessità, creandole intorno le condizioni per un ambiente sano e più stimolante.

Foto Credits| sethdickens su Flickr

 

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>