Meditazione e cura del corpo: il Qigong

di E. Negri Commenta

La vita moderna ci sottopone a ritmi intensi e a un sovraccarico di stimoli sensoriali. Più stimoli caotici arrivano al cervello, più agitata è l’attività della mente e, di conseguenza, anche l’attività funzionale del nostro corpo. L’uomo si abitua a convivere con disturbi di varia entità e natura che coinvolgono il corpo, la mente e l’anima, rischiando di ammalarsi anche gravemente sul lungo periodo. Per contrastare questo logoramento costante, un’arma a nostra disposizione è il Qigong.


Il Qi Gong è l’insieme di pratiche atte a sviluppare l’energia interiore dell’uomo soprattutto mediante il controllo della respirazione, nato in Cina circa 4mila anni fa. Il Non si tratta di uno dei tanti tipi di ginnastica ma, piuttosto, una filosofia di vita.

Il Qigong è classificato secondo gli scopi per cui è praticato: secondo questo criterio, possiamo distinguere il Qingong marziale, quello terapeutico e quello spirituale. Un altro modo per raggruppare le diverse attività di questa disciplina dipende da dove si direziona l’energia, ovvero verso l’interno o verso l’esterno.

Nel Qigong esterno, l’energia vitale prodotta viene soprattutto trasmessa fuori dal nostro corpo: in questa categoria rientra ad esempio tutto il ramo dedicato alla pratica marziale e quello terapeutico, dove chi pratica il Qigong applica le sue conoscenze per la guarigione di un paziente.

Quando l’energia invece è utilizzata internamente lo scopo può essere auto curativo oppure spirituale, ad esempio per raggiungere la consapevolezza e la realizzazione spirituale.

I benefici di questa pratica sono numerosi: a livello psicologico, infatti, non solo favorisce la stabilità dello spirito e la quiete della mente, ma aiuta a combattere lo stress, aumenta la calma e la concentrazione.

Inoltre, a livello fisico, aiuta a rilassare i muscoli, agevola la circolazione sanguigna, migliora le funzioni cardiache, la qualità del respiro e facilita la digestione.

Si tratta di una disciplina particolarmente completa, poiché unisce tre aspetti: il controllo del corpo tramite le posizioni, il controllo della mente attraverso la concentrazione ed il controllo del respiro grazie agli esercizi di respirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>