Rilassarsi attraverso il massaggio di morsi

di Valentina Cervelli Commenta

Sembra assurdo ma negli Stati Uniti sta iniziando a dilagare una moda particolare per rilassarsi che vale la pena di conoscere: l’unione di massaggi e morsi. Inventrice di questa “terapia” un’appassionata di rock e del morso che ha tramutato una prova in professione: Dorothy Stein, 48 anni del New Jersey.

Frank Zappa, che per primo ha provato il bite-massage contro lo stress l’ha definita Dr. Dot: non c’è da stupirsi che la donna venga definita groupie, dato che inizialmente ha offerto i suoi servigi gratuitamente a patto di poter assistere ai concerti delle persone che aiutava. E va sottolineato che tra i suoi clienti vi sono stati e vi sono sia Kanye West che Mariah Carey tra le tante star che trovano ideale questi tipo di approccio.

Per quanto possa suonare strano, questa tecnica effettivamente è in grado di far calare lo stress della persona ed aiutarla a rilassarsi, portando ad un benessere generale dl corpo. Fattore che hanno confermato anche le giornaliste del Daily Mail Ilena Pogosyan e Maria Del Russo di Refinery29: nonostante le perplessità hanno ammesso che la tecnica funzioni.

Il morso, come hanno sottolineato, non arriva quasi mai alla prima seduta  e che vi è una filosofia ben precisa: Spiega infatti Dorothy Stein:

Mordere aiuta a distendere i muscoli e a stimolare il flusso del sangue. Hai presente lo stretching che si fa prima di qualsiasi attività? Ecco, l’obiettivo è più o meno lo stesso, preparare i muscoli al massaggio che li sta aspettando.

Il tutto è nato quasi per gioco durante l’infanzia della donna: essa infatti usava i denti per massaggiare la schiena della madre dato che a 5 anni aveva poca forza per eseguire la pratica correttamente. Da lì si può quasi dire che il resto sia storia. Morsi delicati ma ampi che partono dal collo e che in alcuni casi arrivano fino ai glutei che lasciano i suoi clienti soddisfatti e pronti a pagare una nuova seduta.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>